UCEBI

Unione Cristiana Evangelica Battista d‘Italia

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home UcebinMusica Il Ministero Musicale

Il Ministero Musicale

E-mail Stampa PDF



L’animazione musicale per il culto nelle chiese battiste Ucebi si affaccia in Italia nel 1987 ad opera del pastore Umberto Delle Donne che chiama il M° Carlo Lella, musicista e animatore musicale pugliese, “per cercare di far cantare un po’ più intonata” la chiesa battista di Pozzuoli spostatasi ad Arco Felice per il fenomeno del bradisismo. La comunità, visto l’interesse per l’iniziativa, istituì un piccolo fondo per la musica.

L’esperimento durò per alcuni anni con successo e la chiesa di Pozzuoli in Arco Felice, oggi chiesa evangelica battista di Monterusciello,  può reputarsi “la chiesa pioniera” dell’animazione musicale.

Chiaramente nelle chiese battiste già c’erano stati i pionieri come i missionari dagli Stati Uniti Stanley Crabb, Jim Watts, la sorella Lucia Bensi, Celia Bane. Tanti altri musicisti e musiciste si sono avvicendati poi al servizio delle chiese battiste. Con la chiesa di Monterusciello tuttavia verranno applicati i primi principi della metodologia della “animazione musicale” che parte dalla musica per poi facilitare la persona ad integrarsi nella collettività. Nei principi fondamentali dell’animazione si usa la frase: un animatore o animatrice è colui o colei che c’è, agisce, interagisce, ma non si vede o si vede poco perché diventa visibile nell’altro o nell’altra che mettono a frutto i risultati del suo agire.

Nel 1991 La FCEI, sotto suggerimento dell’allora presidente pastore Giorgio Bouchard e del segretario esecutivo, dott. Renato Malocchi, invita il M° Carlo Lella ad una collaborazione per una ricerca innologica e provvede alla sua formazione inserendolo nell’ambito del WCC (World Council of Churches, Ginevra).  Farà parte della Commissione GRUME coordinata dal pastore Eugenio Rivoir con alla segreteria Elisa Baglieri della rubrica Protestantesimo.

Nel 1997 i pastori Anna Maffei e Massimo Aprile della Chiesa Battista di via Foria, Napoli, invitano il M° Carlo Lella a guidare la musica nel culto e a dirigere il coro della chiesa, guidato allora da Marta D’Auria, coro che prenderà il nome di Coro IPHARADISI.

Nel 1998 il pastore Carmine Bianchi, allora segretario del Dipartimento di Evangelizzazione, decide di evolvere il suo budget per il lavoro dell'animazione musicale per permettere la conoscenza delle metodologie nelle chiese locali.

Nel 2001 con il presidente Ucebi, Aldo Casonato, Il CE e la Commissione ordinamenti, viene isitutito il ruolo di operatore diaconale per la musica nelle chiese battiste dell’Ucebi.

Nel 2007, il pastore Alessandro Spanu, nuovo segretario del DE dal 2007 al 2012, indirizza gran parte delle attività del DE per la realizzazione della Scuola Asaf, scuola per la formazione di nuovi animatori e animatrici musicali, aderendo al progetto di Carlo Lella.

Nel 2012, con il presidente Ucebi, pastore Raffaele Volpe, il CE, la Commissione ordinamenti e l’approvazione dell’Assemblea generale, si compie il passo decisivo istituendo il Ministero Musicale dell’Ucebi nell’ottica dei nuovi ministeri diversi da quelli pastorali, in accordo con la Mozione programmatica, atto 33 dell’AG 2008, dove si invita ad attuare il potenziamento dei nuovi ministeri.

 

Il mansionario del ministro della musica

 

1. Visite e seminari di aggiornamento nelle chiese per la musica cristiana e liturgica

- suo compito è visitare le chiese, per una periodicità di due incontri al mese, aggiornandole anche sugli aspetti che riguardano la musica cristiana con applicazioni al culto, nella liturgia e nelle attività di evangelizzazione con la musica.

- come avviene la selezione delle chiese da visitare? Secondo due criteri:

  • a) su invito della chiesa e dei pastori/e.
  • b) su proposta del ministro stesso che contatta la chiesa ed i pastori/e offrendo un piano di lavoro.

- come viene garantita una alternanza e la possibilità di visitare più chiese?

  • a) predisponendo non più di due incontri l’anno nella stessa chiesa se è stato elaborato un progetto a lungo termine dalla chiesa stessa. Altrimenti una volta l’anno per ogni chiesa.
  • b) valorizzando le richieste della chiese più carenti di animatori ed animatrici musicali o che necessitano di maggiore incoraggiamento per i talenti locali. In genere si tratta di chiese più difficili da raggiungere e con un numero di membri che non superano le 50 unità.

 

2. Corsi di formazione per la valorizzazione dei talenti locali nelle chiese

- suo compito è la formazione per i talenti individuati dalle chiese stesse. La formazione si apre alle seguenti aree:

  • a) uno strumento specifico
  • b) la formazione di un gruppo musicale
  • c) la formazione di un coro e la direzione
  • d) la guida della comunità nel canto
  • e) la musica per l’evangelizzazione e la missione
  • f) la musica nel culto e
  • g) la musica nelle Scuole domenicali

Chiaramente il Ministero Musicale si avvale di un team coordinato dal ministro della musica nel quale sono inserite le competenze individuate e messe a disposizione per le chiese.

 

3. La Nuova Scuola Asaf (NASAF).

Il ministro della musica per l’anno 2013-2014 è stato nominato direttore della NASAF. Contemporaneamente segue i laboratori interni alla NASAF del Ministero Musicale coadiuvato da un team di formatori.

  • a) l’animazione nei suoi aspetti generali (conduzione dei gruppi, l’ascolto attivo: Antonio Celano)
  • b) l’animazione musicale liturgica / la conduzione del canto della comunità / Innologia (Carlo Lella)
  • c) L’animazione e la teologia (Alessandro Spanu nel 2013)
  • d) Il canto ed il coro nelle Scuole domenicali (Michela Guidone)
  • e) Vocalità e coro: Angela Lorusso
  • f) La multimedialità (Pietro Romeo)

 

4. Multimedia

compilazione di basi mp3 (a cura di Francesco Iannitti), Power Point (in collaborazione con Pina Mola, Alessandra Arcidiacono), di basi Karaoke (a cura di Carlo Gentiletti).

 

5. Il Sito UcebinMusica

- suo compito è sviluppare e curare lavori di ricerca musicale ed innologica con pubblicazioni. A tale riguardo è stata ideata e avviata UcebinMusica: rubrica on line sul Sito dell’Ucebi con diffusione di nuovi inni, pubblicazioni di laboratori, articoli, contributi dalle chiese, attività locali, seminari e corsi on line di formazione.

UcebinMusica è curata in tandem con Pietro Romeo, grafico di Riforma (il settimanale delle chiese evangeliche in Italia) ed esperto multimediale. Pietro Romeo è il compilatore responsabile.

6. Gli eventi e le collaborazioni

- suo compito è:

  • a. la conduzione musicale e liturgica di eventi di evangelizzazione a cura delle chiese locali lì dove richiesta la sua presenza o dal Dipartimento di Evangelizzazione o dalle chiese.
  • b. la conduzione per la musica delle Assemblee Generali battiste e dei Convegni nazionali.
  • c. collaborazione con la Commissione bmv Culto e Liturgia (CCL)
  • d. coordinamento del Team (vedi alla finestra il Team)

7. Il lavoro da scrivania ed i verbali

  • a) attività di corrispondenza e di invio/risposte alle e-mail di programmazione.
  • b) ideazione e stesura di tutti i progetti per la musica nelle chiese.
  • c) cura delle relazioni con animatori ed animatrici in Italia, con i responsabili della musica nel culto, con i musicisti,  mediante contatti telefonici, via Skype, e-mail.
  • d) studi ed approfondimenti con partecipazione a seminari di formazione (autofinanziati o con aiuti delle donazioni).

Articoli più recenti: