UCEBI

Unione Cristiana Evangelica Battista d‘Italia

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home

Messaggio di Pasqua 2018

E-mail Stampa PDF

ROMA, Pasqua 2018 - Non vi spaventate; cercate Gesù il Nazareno, il crocifisso: è risuscitato, non è qui. Ecco il luogo dove lo avevano deposto. (Marco 16:6) . “…il crocifisso è risuscitato…”

Care chiese, care sorelle, cari fratelli, Gesù il Nazareno, il Cristo, è risorto! Il luogo dove Giuseppe d’Arimatea depose il corpo di Gesù, ora, domenica, è vuoto! È la nostra Pasqua! È la nostra fede! È la nostra Speranza viva!

Non vi spaventate! Di fronte al gioioso messaggio della resurrezione, anche noi, con i discepoli, sperimentiamo l’incredulità che nasce dal profondo bisogno di credere. È l’incredulità di chi, mosso dalla Parola incarnata, sperimenta la dura pretesa della morte sulla vita.

È la stessa incredulità di Gesù sulla croce: “Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?”; l’incredulità di chi si sente abbandonato e ritorna impaurito alle sue preoccupazioni, alle sue angosce, alla sua disperazione, alle sue “barche e alle sue reti”. Anche noi sperimentiamo lo smarrimento, il tremore e lo stupore di Maria di Magdala e di Maria di Giacomo e Salome; con loro spaventate e spaventati, sperimentiamo la paralisi del nostro agire.

“…non è qui…”

Di fronte alla tomba vuota siamo tutte e tutti chiamate/i ad incontrarlo nelle nostre vite, a tu per tu, come lo fu per Pietro, Giacomo e tutti gli altri e le altre, abbandonando l’organizzazione disperata della nostra esistenza, animata dalla paura per il nostro futuro.

Nell’incontro con Lui, la nostra fede rivive in novità di vita ad animare le nostre menti e il nostro operare con la forza dello Spirito Santo: la paura è scacciata dall’amore di Dio e del fratello e, confessando che Gesù è il Figlio di Dio, Dio rimane in noi e noi in Dio (1° Giovanni 4:7-20).

Egli vive! Cristo vive per la potenza di Dio e anche noi viviamo con Lui come coloro che vivono non più per loro stessi, ma per l’avanzamento del Regno di Dio.

“Dio che ha risuscitato il Signore, risusciterà anche noi con la sua potenza” (1° Corinzi 6:14)

Annunciamo con gioia al mondo il vangelo della pace, della riconciliazione, della nuova creazione. Cerchiamo il Regno di Dio e la sua giustizia.

A tutte le sorelle e a tutti i fratelli, l’augurio di una Santa Pasqua di resurrezione, avendo cura di vivere nella speranza, mantenendo salda la fede e nel contempo impegnandosi in ubbidienza a vivere l’anticipazione del Regno di Dio qui ed ora.

Vostro in Cristo,Un fraterno e affettuoso abbraccio.

Giovanni Arcidiacono