I battisti

Unione Cristiana Evangelica Battista d‘Italia

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Zimbabwe ed oltre Dal diario di Lance: un giorno nella vita del coordinatore del progetto Una vita, un dono

Dal diario di Lance: un giorno nella vita del coordinatore del progetto Una vita, un dono

E-mail Stampa PDF
Harare, febbraio 2012 - Cari amici e amiche del progetto "Una vita, un dono": io sono benedetto. Detta così sembra un'affermazione un po' gratuita, ma io so per certo che Dio mi ama e ha già operato nella mia vita. Ancora oggi mi sembra incredibile quanto la mia vita sia cambiata negli ultimi tre anni. Dio è stato fedele con me e io ho tentato per quanto è possibile di essere fedele alla sua chiamata. Il programma di adozione a distanza pone tante sfide, ma Dio ha i suoi modi per intervenire. Recentemente sono stato  a Zvishavane per incontrare alcuni bambini inseriti nel programma. Zvishavane è una città mineraria a 420 Chilometri da Harare. Si tratta di un viaggio lungo e insidioso anche per gli  standard dello Zimbabwe, ma non per gli standard di Dio. Nel corso di questo viaggio ho vissuto momenti momenti difficili, ma anche molto belli. E ho ho imparato che la vita riserva molte sorprese.

Ho incontrato la maggior parte bambini provenienti dalle chiese della regione a Mberengwa che è una zona rurale a 100 chilometri da Zvishavane. Lì non potevo andarci perché le strade sono in pessime condizioni, quindi i bambini sono montati su un autobus e sono venuti in città. E' incredibile come il programma di adozioni a distanza abbia trasformato le loro vite. I bambini, accompagnati dal loro pastore Evans Nkomo, sono saliti a bordo del primo autobus alle quattro della mattina ed erano in città già alle sette del mattino. Li ho incontrati alla Tsitsi Baptist Church e incontrarli è stata un'esperienza semplicemente meravigliosa.

Siamo riusciti a condividere storie, preghiere - ma anche preoccupazioni - ma soprattutto abbiamo condiviso la nostra vita in comunione con Gesù Cristo. Il passato di alcuni di questi bambini è orribile, ma ho potuto constatare che il passato non è riuscito a imprigionarli nella tristezza o nel pessimismo: non è il  passato a determinare il loro destino. Mi sono divertito a fare  una lezione di scuola guida al piccolo Prince Nkomo (ha percorso solo un centinaio di metri, non abbiate paura). Dio è davvero grande. Ora so per certo che una vita vissuta per gli altri è una vita ben vissuta.

Vi allego alcune foto.

PACE*

Lance

* In italiano nel testo