I battisti

Unione Cristiana Evangelica Battista d‘Italia

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home News dalle chiese Mottola: incontro con delegazione venezuelana

Mottola: incontro con delegazione venezuelana

E-mail Stampa PDF

MOTTOLA, 5 GIUGNO 2012 - Mercoledì 23 maggio, mentre tutta l’Italia ha ricordato attraverso varie manifestazioni l’attentato alla Legalità e allo Stato di Diritto nella persona di Falcone, con la sua scorta, unitamente all’atto terroristico avvenuto davanti alla scuola di Brindisi, la chiesa battista di Mottola ha ospitato nel tardo pomeriggio una delegazione di venezuelani, accompagnati dal past. Nunzio Loiudice, che abbiamo scoperto nutrire una sensibilità particolare nei confronti dell’Italia tanto da ricordarla sentitamente nelle loro preghiere.

 

L’incontro è iniziato con la lettura di Atti 2:1-2 e subito il pastore, e ortopedico, Jimmy Fornino, presentandosi brevemente, ci ha raccontato delle chiese evangeliche venezuelane che, tra le altre cose, crescono sempre più di numero. A questo, però, ha subito aggiunto che la crescita numerica non si accompagna sempre a una crescita spirituale, ragione per la quale c’è una sostanziale differenza fra essere credenti e essere discepoli.
E sul discepolato si è concentrato questo incontro di conoscenza reciproca e di evangelizzazione, che ci ha esortati/e a riconsiderare il significato di questa parola che necessariamente deve tradursi in prassi, che è regola e azione, nel vivere quotidiano.
Sempre con la traduzione della sorella Carolina Lazo, che ora vive stabilmente in Puglia e frequenta la chiesa battista di Conversano, si sono alternati altri fratelli e sorelle venezuelani/e in racconti e testimonianze davvero coinvolgenti e emozionanti, a cui hanno fatto seguito numerose domande.
Con uno sguardo, dunque, alla nostra situazione politica e a quella venezuelana, che a ottobre vedrà la popolazione andare alle urne dopo il problematico periodo di governo di Chavez, siamo chiamate come chiese discepole di Cristo a pregare le une per le altre e a pregare per chi ha la responsabilità di amministrare, anche la Giustizia che, soltanto per fare un esempio, dopo vent’anni ancora non è in grado di trovare e punire mandanti e esecutori delle stragi che hanno tristemente insanguinato la nostra Storia.