UCEBI

Unione Cristiana Evangelica Battista d‘Italia

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home News dalle chiese Mottola: settimana europea per la riduzione dei rifiuti

Mottola: settimana europea per la riduzione dei rifiuti

E-mail Stampa PDF

MOTTOLA, 14 dicembre 2011 - Da poco più di un anno nel mio paese è nato un piccolo comitato, MottolaCivica, che ha preso le mosse dalla pressante questione dei rifiuti, della loro raccolta e del loro smaltimento. Ne faccio parte anch’io e in questo anno ci siamo sentiti dire di tutto, ma in particolare che remiamo unicamente contro l’Amministrazione e che, addirittura, siamo faziosi e spocchiosi. Così non è e sempre mi ritrovo a commentare, sul nostro blog o su quello del paese, che sono animata dal mio essere cristiana e dal fortissimo impegno nella salvaguardia di ciò che il Creatore ci ha donato.

Dunque andiamo avanti, non curanti dei commenti distruttivi o tendenziosi e nella settimana dal 19 al 27 novembre siamo stati protagonisti, insieme con la locale scuola media, della “Settimana Europea per la Riduzione dei rifiuti”: io e Annamaria, entrambe battiste, e Marisa, cattolica, abbiamo visitato ogni classe facendo informazione e formazione esemplificando con oggetti, dagli incarti ai flaconi, dai fazzoletti ai pannolini, dalle penne ai saponi, che è possibile riutilizzare ciò che di solito buttiamo o non produrre per nulla quel rifiuto.

L’interesse della scolaresca e dei docenti è stato molto alto, soprattutto alla vista di alcuni oggetti frutto del riuso di vecchi jeans o dei pannolini di stoffa e ci è sembrato che molti degli accorgimenti suggeriti verranno presi in considerazione, anche se un alunno ci ha confidato che “… i grandi non ci ascoltano!”.
E sì, purtroppo i grandi non ci ascoltano, quelli che si ritengono grandi in 8, e a volte anche in 20, e che alla loro grandezza non fanno corrispondere altrettanta responsabilità e serietà.
Noi nel nostro piccolo (la nostra mascotte è un nanetto di nome Ecolo) continueremo a testimoniare che vivere in un altro modo è possibile e, perché no?, sogno di far diventare questo impegno il vessillo del nostra presenza battista nel sempre vivo dialogo ecumenico.