I battisti

Unione Cristiana Evangelica Battista d‘Italia

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home News dalle chiese Visita dei pastori della Lott Carey a Conversano

Visita dei pastori della Lott Carey a Conversano

E-mail Stampa PDF

Conversano ( Ba) – 9 febbraio 2011 - Sabato 29 e domenica 30 gennaio la comunità battista di Conversano ha ricevuto la visita di due pastori afro-americani della Lott Carey Convention, Gregory K. Moss e Dennis W. Malloy. Questa visita rientrava nell'ambito di un programma che prevede scambi di visite tra Unioni battiste in partnership tra loro. Obiettivo del programma a cui partecipano i pastori afro-americani è quello di ampliare i propri orizzonti facendo tesoro dell'incontro e della conoscenza di altre culture.

La visita di questi due pastori e la testimonianza della loro fede rimarranno a lungo impresse nella memoria dei fratelli e delle sorelle della chiesa di Conversano.

 

 

Il pastore Gregory Moss, che cura la chiesa di St. Paul a Charlotte in N.C., nata 111 anni fa, ci ha raccontato dei suoi 5000 membri, dei diversi cori gospel e gruppi musicali e delle varie attività sullo sport e sulla danza liturgica. Il pastore D. Malloy, invece, cura una chiesa di 60 membri in una città a circa 15 km da New York nel N.J., presente sul territorio da 10 anni. Non hanno musicisti ma ci sono cantanti che cantano su basi musicali, hanno un asilo finanziato dalla comunità e dai genitori dei bambini e condividono i locali di culto con una comunità di lingua spagnola.

Noi, nel nostro piccolo, abbiamo spiegato loro che abbiamo un gruppo musicale giovanile, la scuola domenicale, e che riusciamo ad organizzare anche attività di solidarietà e di evangelizzazione rivolte alla nostra cittadinanza.

Durante la serata del sabato ci è stata regalata anche una bella testimonianza da un amico medico, molto noto nel paese perché impegnato nel campo del volontariato internazionale (Medici senza frontiere). Con parole che hanno toccato il cuore di tutti e tutte, egli ha affermato di sentirsi testimone della fede che anima la comunità battista, di cui – nel tempo – ha apprezzato la coerenza dei comportamenti e l'apertura mentale.

La serata si è conclusa con un'abbondante agape comunitaria che ha aiutato i presenti a conoscerci meglio e a prendere sempre più confidenza con l’inglese.

Il sermone domenicale molto vivace tenuto dal past. Malloy su 1 Corinzi 12,27 e Romani 8,11 ha colpito tutti per la modalità tutta afro-americana in cui il pastore ha dialogato con la comunità che ha risposto e partecipato con convinzione. Tutti insieme abbiamo ripetuto queste parole: «Lo stesso Dio che ha dimorato in Gesù è lo stesso Dio che dimora in me, lo stesso Spirito che ha dimorato in Gesù è lo stesso Spirito che dimora in me». Malloy, con queste affermazioni, ha impresso nelle nostre menti un messaggio forte e chiaro: «Se vogliamo fare quello che Dio vuole, per farlo dobbiamo crederci». Alla fine del culto i due pastori ci hanno regalato un momento musicale coinvolgendoci nel canto dei famosi “Amazing grace” e di “Oh happy day” in una versione tutta personale.

Siamo tornati alle nostre case con la frase più ripetuta nel sermone “You have to believe it” (Tu devi crederci) che dovremmo ripetere continuamente anche in vista dell’impegno per la costruzione del nuovo locale di culto a Conversano, nella consapevolezza che quando Dio vorrà anche questo progetto si realizzerà.