I battisti

Unione Cristiana Evangelica Battista d‘Italia

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Biblicamente Gocce di Vangelo: riflessioni bibliche a cura di Emanuele Casalino

Gocce di Vangelo: riflessioni bibliche a cura di Emanuele Casalino

E-mail Stampa PDF

ROMA, 18 dicembre 2015 - Pubblichiamo una serie di riflessioni bibliche a cura del past. Emanuele Casalino.

1. Necessità me n’è imposta; e guai a me se non evangelizzo”
(1 Corinzi 9,16).

Paolo non ha scelta: deve proclamare l’evangelo. Non si tratta di una necessità dettata dalla paura o dal timore di ricevere una punizione. L’apostolo ha fatto della predicazione dell’evangelo la sola ed unica ragione della sua esistenza. E’ una necessità che gli è stata imposta da Dio, non dipende dalla sua volontà. Si sente afferrato da Cristo e servo di Dio e quindi non può sottrarsi alla forza irresistibile della chiamata ricevuta. Paolo si è votato anima e corpo alla missione e nel fondare nuove chiese. Ed è a partire dall’evangelizzazione che ha compreso la sua missione e la sua stessa vita:“ho creduto, perciò ho parlato” (2Cor 4,13). La vocazione che Dio gli rivolge diventa qui un imperativo assoluto: “guai a me, se non evangelizzo”. L’impegno della chiesa nel mondo viene allora da questa chiamata a cui non si può resistere (grazia irresistibile), non dalla buona volontà di qualcuno. La buona volontà alla lunga cede, la forza irresistibile della vocazione, regge.

Scarica il documento